Optical illusion graffiti , essere ingannati non è mai stato così bello

Optical illusion graffiti : cosa sono e perchè funzionano?

Cosa c’è di più bello dell’arte che sa essere anche gioco, divertimento, stupore? Gli optical illusion graffiti sono una straordinaria prova di quanto possa essere eccezionale la creatività abbinata al marketing aziendale. E questa semplice osservazione non  è sfuggita a un numero sempre crescente di imprenditori e di dirigenti che hanno deciso di puntare sui decoration office graffiti (talvolta con i graffiti 3d ) per rilanciare la propria attività con qualcosa di diverso da una pura operazione di immagine. Infatti, come abbiamo visto nel precedente articolo , affidarsi agli optical illusion graffiti significa agire concretamente per rafforzare il senso di appartenenza (quello che i sociologi chiamano senso del noi con importanti corollari nella psicologia dello sport) e per dare all’esterno un chiaro segnale di cambiamento, di innovazione, di volontà di migliorarsi per offrire al pubblico prodotti, beni e servizi più accattivanti. Ma in che cosa consistono gli optical illusion graffiti ? Si tratta principalmente di raffigurazioni che attraverso un sapiente gioco di prospettive, riescono a ingannare l’occhio facendo apparire come tridimensionale – e quindi più reale – ciò che rimane ovviamente un dipinto (di qualunque forma e tecnica) su una parete o su una serie di pareti. Ma da un punto di vista artistico, quali sono le basi su cui poggia questo particolare tipo di espressione creativo?

Optical illusion graffiti , decorarion office graffiti , graffiti 3d : una storia che comincia da lontano

 

Optical illusion graffiti , l'arte dei Truly Design

Optical illusion graffiti , l’arte dei Truly Design

Uno dei primi errori d’interpretazione riguardo gli optical illusion graffiti è ritenere che siano frutto soltanto del gusto estemporaneo di writers e painters attuali che hanno nell’anticonformismo uno dei capisaldi del proprio stile. In realtà , anche senza saperlo e usando una dicitura differente, moltissimi artisti appartenenti al mondo classico possono essere considerati i precursori degli attuali decoration office graffiti e dei graffiti 3d . Infatti, l’idea di ingannare l’occhio attraverso un gioco incentrato sulla prospettiva, è tutt’altro che recente. Già in epoca medievale, troviamo fulgidi esempi di autori che nelle loro tele ricercavano l’avvio di una “sfida” a distanza con l’osservatore regalando effetti che innestavano nel fruitore dell’opera sensazioni quali meraviglia, stupore, curiosità, ammirazione. Anche la tecnica del trompe l’oeil (ampiamente dibattuta negli ultimi anni) è tutt’altro che priva di solide basi. E, in effetti, proprio negli optical illusion graffiti abbiamo una chiara dimostrazione di come l’estro creativo dell’artista debba sposarsi con una profonda conoscenza dei principi della prospettiva e dell’ottica per ottenere il risultato sperato. Perché , analogamente a ciò che avviene nella finzione letteraria o cinematografica, è indiscutibile che l’appagamento dell’osservatore giunga soltanto se la “finzione” tridimensionale degli optical illusion graffiti (indipendentemente che si tratti di decoration office graffiti o graffiti 3d) sia “verosimile”. Nel momento in cui iniziamo a guardare un film o in cui sfogliamo le prime pagine del libro, siamo a conoscenza che si tratti di una finzione: i fatti riportati possono essere frutto della fantasia di autori o sceneggiatori e comunque sono reinterpretati a uso e consumo del gioco narrativo. Eppure, questo implicito patto con il lettore o lo spettatore, funziona solo se la “finzione” è credibile. Possiamo rimanere incollati alla sedia in attesa di conoscere il finale della pellicola cinematografica o chiuderci in casa sino ad aver divorato anche l’ultimo rigo del romano, ma a patto che ciò che vediamo o leggiamo ci appaia coerente, verosimile. Sappiamo che è fittizio, ma ci dispiaciamo se si nota che sia finto.
Ciò accade parallelamente per gli optical illusion graffiti , per i decoration office graffiti o per i graffiti 3d . Semmai, la grande novità riguarda i canali in cui si manifestano questo espressioni artistiche. Le tele hanno lasciato spazio alle pareti (interne o esterne) di locali, uffici, fabbriche, studi, case, musei ecc. L’effetto è ancora più spiazzante perché ci sembra di essere immersi in un’altra dimensione che la nostra percezione inizialmente fatica a classificare. Il disorientamento iniziale si trasforma ben presto in stupore e infine in quell’ammirazione che ci porta a continuare a fissare l’opera anche quando ne capiamo le linee guida. Anzi, è proprio la bellezza o l’accuratezza dei dettagli che ci porta a rimanere incantati. I Truly Design , tra i migliori esponenti internazionali di questa frontiera artistica, hanno ammesso come uno dei complimenti più appaganti che abbiano ricevuto, sia giunto da un bambino che ha laconicamente commentato: “Fanno le magie”. Ecco, la magia dell’arte non conosce limiti e chi decide di afferrarla per rivisitare i propri spazi vitali o lavorativi, ha già acquisito un vantaggio competitivo
Optical illusion graffiti , decoration office graffiti e graffiti 3d : dove comincia la storia di questi capolavori anticonvenzionali.

 

Optical illusion graffiti , essere ingannati non è mai stato così belloultima modifica: 2015-11-24T11:18:37+01:00da dingiullorobert
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento